.  
 
  Legambiente - Il Fuoco dal mare 22/11/2017 16:47 (UTC)
   
 



BANDI DI IDEE 2009/2010
Legami di sensibilità
Sodalis CSV Salerno

www.csvsalerno.it


Il progetto il Fuoco dal Mare è finalizzato alla conservazione e tutela del patrimonio boschivo nostrano attraverso una campagna di sensibilizzazione che mira a prevenire gli incendi boschivi.

Il tema portante è quello del bosco inteso come bene comune ed, in quanto tale, insostituibile per la salute e la sicurezza dei cittadini. Lo strumento è quello della prevenzione, al fine di responsabilizzare la coscienza civica dei cittadini e metterli in rete con gli enti preposti alla gestione delle emergenze legate agli incendi.

Il bosco è un bene di tutti: il ripristino della legalità, in una società che si vuole più giusta e sostenibile, parte da ognuno di noi, anche attraverso l’azione del volontariato.

 

Cos’è il Bosco

Una concentrazione di alberi alti a partire da 5m estesa per un’area di almeno 5.000mq.

Un bosco si compone di vari strati:

1.       Lettiera, l’insieme del fogliame caduto

2.       Briofite, uno strato di muschi con piccole piante

3.       Strato erbaceo

4.       Strato arbustivo, formato da piante legnose prive di fusto

5.       Strato lianoso, costituito da piante che crescono su altre piante

6.       Strato arboreo è quello degli albri.

La presenza di muschi e licheni sui tronchi sono importanti testimoni della qualità dell’aria.

 

La fustaia è un bosco coperto da alberi di alto fusto.

Il boschetto ha una superficie compresa tra i 1.000 ai 5.000 mq.

L’albereta ha un’estensione inferiore a 1.000 mq.

La zona di rimboscamento è un boschetto che ha gli alberi di altezza inferiore a 5m.

La riparia è una formazione con larghezza inferiore ai 20m.

Le radure sono zone del bosco transitoriamente prive di vegetazione arborea e quindi di alberi ad alto fusto.

Le foreste coprono ampie fasce di terra estesa e del tutto incolta.

I boschi cedui sono quelli in cui gli alberi vengono controllati e curati dalla mano dell’uomo. Possono essere monofiti o puri – costituiti da un’unica specie, es. pinete, faggete – oppure polifiti o misti – costituiti da più specie; coetanei oppure disetanei, in quest’ultimo caso quando le piante hanno età diverse.

 

Il Bosco bruciato  cause ed effetti

Foreste e concentrazioni arboree hanno da sempre rappresentato una risorsa fondamentale per l’uomo.

Un bene comune a tutti gli uomini. Utili al mantenimento degli equilibri della biosfera, alberi e boschi sono una presenza che percepiamo come costante sulla crosta terrestre, ma che con il tempo sta diventando una illustre assenza.

“C’è stato un tempo in cui una scimmia che fosse partita da Roma saltando da un albero all’altro poteva arrivare in Spagna senza mai toccare terra”, scrive Calvino.

Questo manto di alberi che ricopriva l’Europa e l’Italia di anno in anno è stato ridotto dall’incidenza dell’uomo e dalla sua necessità di “isolarsi” dalla natura per dominarla.

Una delle principali cause della riduzione delle aree boschive su scala mondiale è, di fatto, la mano dell’uomo. Uno degli strumenti più frequenti è il fuoco.

Le principali cause degli incendi sono tre:

1.       Fattori naturali: stagione estiva, alta temperatura e boscaglia secca favoriscono le conflagrazioni, perché  veicolano il fuoco, mentre in contesti di vegetazione rigogliosa le possibilità sono più basse

2.       Fattori antropici: spopolamento delle aree collinari e montuose con conseguente abbandono di rifiuti facilmente infiammabili nelle aree boschive

3.       Fattori economici, interessi di quanti appiccano consapevolmente il fuoco per avere un tornaconto personale immediato oppure sul lungo tempo.

Gli effetti sono gravi per l’ambiente e si ripercuotono su tutta la comunità:

1.       Impoverimento del  manto vegetale e del mondo animale

2.       Essiccamento prolungato del suolo

3.       Limitata circolazione dell’acqua piovana a livello dell’humus

4.       Instabilità dei suoli – frane e smottamenti

5.       Emissioni di CO2 e riduzione dell’ossigenazione

6.       Dispendio di fondi pubblici per domare gli incendi e per il successivo rimboschimento

7.       Desertificazione e cementazione.

 

 

Come prevenire un incendio

Salvare i boschi significa dunque tutelare la nostra salute e la nostra sicurezza. Ma come fare? Il patrimonio boschivo italiano è tutelato dalla legge quadro 353/2000, in materia di antincendio.

Lo strumento più efficace è l’educazione alla prevenzione . I risultati del monitoraggio Ecosistema Incendio, condotto da Legambiente e Protezione Civile, nell’ambito della famosa campagna “Non scherzate col fuoco”, si è chiuso nel 2008 con un bilancio positivo rispetto al trend degli ultimi tre anni: gli incendi, infatti, sono diminuiti del 40%  con conseguente riduzione delle aree colpite. Grazie alle campagne di sensibilizzazione condotte dalla Protezione Civile, dal Corpo Forestale di Stato e da Legambiente, gli incendi di natura colposa sono diminuiti di due punti percentuali – dal 15 al 13% , questo perché grazie alla divulgazione delle buone regole da adottare ai fini della prevenzione, è possibile creare una catena umana di solidarietà e tutela per i nostri boschi ed in ultima analisi per noi stessi.


Ecco cosa fare per prevenire gli incendi:

1.       Non abbandonare nelle aree boschive o nei pressi di esse rifiuti facilmente infiammabili, come carta e plastica, oppure mozziconi di sigaretta

2.       Evitare di accendere fuochi in prossimità di aree boscate

3.       Non accendere nei campi le stoppe quando c’è vento e la vegetazione è secca, ma circoscrivere e isolare il terreno con una fascia arata di larghezza tale da arrestare il fuoco

4.       Se si individua un piccolo fuoco, sul ciglio della strada o dentro al bosco, intervenire tempestivamente con le proprie forze, per evitare che assuma l’entità di un incendio

5.       Nelle zone più esposte agli incendi, intorno ai fabbricati ed alle abitazioni, pulire il terreno dalla vegetazione infestante oppure da rifiuti facilmente infiammabili

6.       Nel caso di avvistamento di un incendio, allertare i Vigili del Fuoco (115) e/o il Corpo Forestale di Stato (1515)
 

       Quando, invece, si è impegnati a spegnere un incendio ricordiamoci di:

1.       Usare una frasca verde battendo alla base delle fiamme oppure, armati di pala, gettarvi della terra

2.       Proteggersi dal fumo usando sul volto un fazzoletto bagnato di acqua

3.       Non porsi mai sul fronte del fuoco, in direzione contraria al vento, bensì ai lati

4.       Non affrontare mai le fiamme da soli

5.       Creare un sentiero del fuoco, ovvero una zona poco boscata ove sterrare e tagliare i vari arbusti, per bloccare il fronte delle fiamme

6.       Vigilare e presidiare le zone bruciate spegnendo definitivamente ogni parte ancora fumante

7.       Durante le operazioni di spegnimento di un incendio non ostacolare la strada agli automezzi antincendio oppure agli uomini impegnati contro il fuoco.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

webmaster ciromicio
  Che ora è?
  Lasciate i vostri messaggi nel box sotto

  Contatore Visite
  Banner importanti...cliccateci su...